LE PIÙ SIGNIFICATIVE BASILICHE, CHIESE E ABBAZIE PRESENTI SUL TERRITORIO DI MILANO E PROVINCIA

LA CATTEDRALE INFINITA

storia e storie del nostro Duomo

Il Duomo è una stupenda fabbrica la cui storia secolare si intreccia con la storia della città: la sua vastità, la sua ricchezza, la mistica luce delle vetrate, gli spericolati scorci delle guglie provocano emozioni forti … un tempo come ancor oggi. In un viaggio di secoli ripercorriamo le vicende di quel “gran cantiere”, che dal 1386 ad oggi è ancora in piena attività, per scoprire protagonisti, tesori, arte e curiosità di un tempio che è simbolo di Milano.
È stato riaperto dopo 8 anni di chiusura per restauro e riallestimento il MUSEO DEL DUOMO.


ALLE RADICI DELLA CHIESA AMBROSIANA

la Basilica di Sant’Ambrogio

Costruita in cotto secondo l’uso milanese, la Basilica di Sant’Ambrogio nella sua sobrietà suscita un grande fascino e suggestione. Fondata da Sant’Ambrogio nel IV secolo su di un’antica area cimiteriale e dedicata a i Martiri, della primitiva chiesa rimangono pochissime tracce. Nei secoli la Basilica conobbe infatti trasformazioni che le diedero il volto odierno da sempre tanto caro ai milanesi. Al suo interno opere celeberrime, come il superbo Altare d’oro di Vuolvinio: preziosa e rara opera di oreficeria altomedievale che splende nella sua bellezza al centro dell’area presbiteriale, proprio in corrispondenza della cripta dove, dal 397, riposa Sant’Ambrogio accanto ai martiri Gervaso e Protaso.


SAN MAURIZIO AL MONASTERO MAGGIORE: UNA CLAUSURA DORATA

Una clausura dorata quella della Benedettine nella Chiesa più bella del Cinquecento milanese, San Maurizio, nel monastero più ricco, il Monastero Maggiore. Tanto sobria e misurata all’esterno, la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore stupisce i visitatori accogliendoli in un trionfo di colori e decori. Splendidi affreschi, di cui il recente restauro ha recuperato i luminosi colori, ricoprono interamente pareti e volte trasfigurando l’architettura in uno scrigno prezioso.


SAN LORENZO: BASILICA PALATINA

Maestosa con la sua mole articolata, imponente con il suo impianto centrale, la Basilica di San Lorenzo è fra le più antiche basiliche milanesi. Fu forse basilica palatina nell’antica Mediolanum, le quattro possenti torri-campanili le danno un aspetto da fortezza, al suo interno San Lorenzo esprime la solenne spiritualità dei primi secoli del Cristianesimo oltre a conservare preziosi e rari mosaici paleocristiani.


LA BASILICA DI SANT’EUSTORGIO E LA CAPPELLA PORTINARI

La Chiesa rappresenta uno dei luoghi di culto più importanti di Milano e si lega all’affascinante leggenda dei Re Magi i cui corpi vennero portati in città da Sant’Eustorgio in una pesante arca di pietra. Rimasti per secoli a proteggere i milanesi, nel XII secolo Federico Barbarossa trafugò le sacre spoglie dei Magi che tuttora riposano in un aureo sepolcro nella Cattedrale di Colonia. Solo all’inizio del Novecento la Chiesa ambrosiana riuscì a farsi restituire alcune preziose reliquie fortificando l’antico culto di Sant’Eustorgio. La visita si completa con l’annessa Cappella Portinari interamente e splendidamente dipinta dal Maestro lombardo Vincenzo Foppa. Al suo interno la celebre Arca marmorea di San Pietro Martire, capolavoro di Giovanni di Balduccio da Pisa.


SANTA MARIA PRESSO SAN SATIRO

Donato Bramante, erede del Brunelleschi e di Leon Battista Alberti, apre a Milano la stagione rinascimentale in architettura. Con la Chiesa di Santa Maria presso San Satiro l’artista pone le basi dell’architettura classica in una Milano ancora dominata dallo spirito gotico del suo Duomo e inventa, utilizzando la prospettiva, un “mirabile artificio” che da secoli stupisce ogni visitatore.

INDIETRO