La cultura greca dal mito all’immagine

La grande fioritura dell’arte greca, modello assoluto e sovratemporale per secoli, si lega strettamente al ruolo e al significato che l’arte – Τέχνη – ebbe presso i greci: non piacere estetico, non fatto elitario destinato al godimento di pochi, ma principio filosofico per cui il bello è associato all’utile e al bene della polis – πόλις- e dei suoi cittadini. L’arte greca per questo, diversamente dalle espressioni artistiche di altre civiltà antiche, elesse l’uomo protagonista assoluto, in quanto essere dotato di razionalità, intelligenza e sentimenti. Quell’uomo che fu centro dell’universo, tanto che persino gli dei ebbero forme umane. E così i miti e le leggende, il teatro e la poesia videro protagonisti Uomini e Dei contro il Destino – μοῖρα -, eroi rappresentati con le loro virtù e le loro passioni. Capiremo tutto questo attraverso un percorso, illustrato da una archeologa ed esperta grecista, fra le ceramiche provenienti dalla Grecia antica e della Magna Grecia esposte al Museo Archeologico.

GALLERIA