Luci e ombre nella Roma caput mundi tra Cinque e Seicento

Viaggio accompagnato e guidato dalle storiche dell’arte Marina Fassera e Simona Lupinacci.

Possis nihil Urbe Roma visere maius
Che tu non possa mai vedere nulla di più grande di Roma
(Orazio, Carmen Saeculare, 11-12)

E noi, seguendo le parole di Orazio, torniamo a Roma sulle tracce della sua storia e grandezza millenaria, delle bellezze uniche che tutto il mondo le invidia… Roma è infinita e ogni volta è doloroso operare la scelta di quanto vedere e ammirare della città eterna per antonomasia!
Il tema scelto per questo nostro viaggio trae spunto dalla mostra milanese dedicata a Michelangelo Merisi, il Caravaggio, che a Roma mostrò tutto il suo talento di pittore, nell’Urbe trovò ispirazione per la sua nuova pittura fatta di fasci di luci e profondissime ombre… come tra luci e ombre si staglia la storia della città a cavallo dei secoli XVI e XVII.
Caravaggio giunse a Roma alla fine del Cinquecento: un secolo andava chiudendosi, un nuovo secolo si sarebbe aperto fra speranze di rinnovamento e i fasti di un Giubileo che si poneva come il trionfo della Chiesa romana, dopo la crisi della Riforma. In tanta fibrillazione per la preparazione del Giubileo, le commissioni artistiche proliferarono: pontefici e nobili famiglie fecero a gara per mostrare magnificenza e lusso. I palazzi si arricchirono di collezioni d’arte preziose, le cappelle gentilizie nelle maggiori chiese romane, vennero decorate con ori, stucchi, pale d’altare, in un tripudio cui forse solo il Caravaggio restò estraneo, fedele alla sua pittura del “vero”.
In un percorso entusiasmante toccheremo con mano questo splendore fra PALAZZI e CHIESE: uno splendore che ha antiche radici e che tocca i vertici del virtuosismo e della bellezza sensuale e profana nel Seicento barocco.
Ammireremo il Caravaggio delle pale inamovibili e spettacolari nella Cappella Cerasi in Santa Maria del Popolo, nella Cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi… che tanto incisero sullo sviluppo delle arti! Quanta bellezza nel suo proporre la natura “com’è”! Quanta poesia nelle sue donne trovate per le strade dell’Urbe e sublimate nelle figure di Maria Vergine! Quanta umana partecipazione nei fatti evangelici proposti in un “hic et nunc” che si perpetua nei secoli! Quanta luce nelle fosche atmosfere, nei bui profondissimi che il suo magnifico pennello esalta! E quanta vita, quanta verità, quanto teatro, quanta passione, quanta emozione, quanta gloria, quanta miseria nell’esistenza di Caravaggio! Giovane artista già maturo fin dagli esordi, giovane uomo dal destino segnato… Un destino da grande!
E poi la centralità della Chiesa che ancora, in questo snodo secolare, propone e sostiene l’immagine della Roma “Caput Mundi”: come non visitare San Pietro e gli spazi meravigliosi del Musei Vaticani … e San Giovanni in Laterano, che di Roma è la cattedrale, nonché una delle basiliche papali maggiori, il Sancta Santorun, il più venerato santuario di Roma”, e poi la Galleria Borghese e il Bernini, a cui è dedicata una mostra proprio nelle sale del Palazzo Borghese e… tanto altro ancora.

PROGRAMMA

GIOVEDÌ 7 DICEMBRE

FRECCIAROSSA MILANO CENTRALE – ROMA TERMINI (partenza 8.00 – arrivo 10.55)*
ARRIVO A ROMA TERMINI

Transfer in Hotel con pullman riservato. Assegnazione camere.

Visita guidata ai Musei Vaticani e alla Basilica di San Pietro
Pomeriggio intenso riservato alla visita degli spettacolari Musei Vaticani e della Basilica, tempio della Cristianità
In particolare dei Musei visiteremo: il Museo Pio Clementino (affaccio al Braccio Nuovo appena riaperto dopo una lunga chiusura, per ammirare meraviglioso Augusto di Prima Porta), la Galleria dei Candelabri, la Galleria degli Arazzi, la Galleria delle Carte geografiche, le Stanze di Raffaello, la Cappella Sistina (prenotazione con ingresso diretto senza coda).
Cena libera.

VENERDÌ 8 DICEMBRE

MATTINA

Mostra di Bernini e Galleria Borghese.
Immersa nel verde di un parco, laddove un tempo vi erano vigne e orti, boschi di pini, abeti e lecci, la Villa e la Palazzina Borghese sorsero agli inizi del Seicento fuori dalle Mura Aureliane quali luoghi di otium dell’illustre famiglia romana, che ebbe nel Cardinale Scipione un grande e appassionato collezionista d’arte. A lui si devono molte delle opere che ancor oggi ammiriamo che sono capolavori assoluti della pittura e della scultura di tutti i secoli, a cui nel tempo sono andati ad aggiungersi altri eccezionali pezzi: dalla Deposizione di Raffaello al David e Apollo e Dafne di Bernini; dall’Amor Sacro e Amor Profano di Tiziano alla Danae di Correggio; dalla Madonna dei PalafrenieriDavide con la testa di Golia di Caravaggio alla sensuale Paolina Bonaparte Borghese di Canova
Al termine tempo a disposizione per il pranzo libero.

POMERIGGIO

Percorso caravaggesco fra le strade della città che videro la presenza del Maestro, le chiese di San Luigi dei Francesi, Sant’Agostino, Santa Maria del Popolo con le pale dell’artista che fecero scandalo per il linguaggio così diretto e le novità iconografiche.  Mentre per la Roma barocca non mancheremo di visitare la Chiesa del Gesù con il grandioso affresco illusionistico della volta che celebra il nome di Gesù fra rutilanti e svolazzanti figure di angeli e santi catturati nel moto luminoso dell’empireo.
Cena libera.

SABATO 9 DICEMBRE

MATTINA

Le grandi basiliche e i luoghi di culto e pellegrinaggio della Roma papalina: San Giovanni in Laterano, restaurata e rimodellata da Borromini, Sancta Sanctorum, con affreschi tra i più importanti per la Roma del Duecento, Santa Croce in Gerusalemme.

POMERIGGIO

Tempo a disposizione per visite individuali
Nel periodo in cui visiteremo Roma ci sarà la mostra MONET al Vittoriano. Non è stata inserita nel programma perché esula dal tema del viaggio, ma chiunque la vorrà visitare avrà, se lo desidera, il supporto della nostra guida.
Cena prenotata presso ristorante caratteristico.

DOMENICA 10 DICEMBRE

MATTINA

Visita a Villa Medici, situato sulla collina del Pincio accanto a Trinità dei Monti, luogo assolutamente affascinante e imperdibile. Al termine passeggiata tra Trinità dei Monti e Piazza di Spagna.
Pranzo libero.

POMERIGGIO

Tempo a disposizione per visite individuali.
Transfer dall’Hotel alla Stazione Termini con pullman riservato.

FRECCIAROSSA ROMA TERMINI – MILANO CENTRALE (partenza 16.00 – arrivo 18.55)*

 *Gli orari dei treni verranno riconfermati.

N.B. Per tutte le visite utilizzeremo il sistema audio-microfonico per sentire al meglio le spiegazioni della visita.
Roma, come noto, è una città piuttosto trafficata… abbiamo strutturato le visite per muoverci quanto più possibile a piedi, laddove non fosse possibile utilizzeremo i mezzi pubblici ATAC.

GALLERIA