Tra paternalismo e socialismo utopico: un modello

La fabbrica e il villaggio di Crespi d’Adda nascono a cavallo tra Otto e Novecento ad opera della famiglia degli industriali cotonieri Crespi, provenienti da Busto Arsizio. È l’epoca in cui in Italia nasceva l’industria moderna, l’epoca dei grandi e illuminati capitani d’industria, al tempo stesso padroni e filantropi, ispirati ad una dottrina sociale che li vedeva impegnati a tutelare la vita dei propri operai dentro e fuori la fabbrica. L’idea era di dare a tutti i dipendenti una villetta, con orto e giardino, e di fornire tutti i servizi necessari alla vita della comunità: chiesa, scuola, ospedale, dopolavoro, teatro, bagni e docce pubbliche…
Sulla riva dell’Adda, oggi è rimasta la viva testimonianza del Villaggio Crespi che ancora ospita una comunità in gran parte discendente degli operai che vi hanno vissuto o lavorato; la stessa fabbrica è rimasta in funzione sempre nel settore tessile cotoniero fino al 2004.
Un modello riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità!

DATE IN PROGRAMMA

sab 19/06, ore 10.00

COSTO

Visita guidata € 15,00

Servizio di microfonaggio incluso nella visita. È consigliabile portare con sé un proprio auricolare.

La visita si svolge in luoghi all’aperto.

Tutti i partecipanti dovranno indossare la mascherina e mantenere il distanziamento.

Il gruppo è composto da massimo 25 persone.

DURATA

Due ore

LUOGO D’INCONTRO

corso Manzoni 1, Crespi d’Adda (BG)

davanti al cancello del Cotonificio

Ti è piaciuta la visita guidata?

lascia una tua recensione, sarà utile per migliorare le nostre proposte

0 Recensioni
Inline Feedbacks
View all comments