Un viaggio al centro della Musica, là dove la musica nasce

Un percorso alla scoperta del Conservatorio di Milano e della sua lunga storia, iniziata nel lontano 1807. Sono passati 212 anni dalla fondazione del Conservatorio: due secoli e mezzo che hanno visto muoversi tra le sue aule grandi protagonisti della storia culturale italiana. A partire da Giuseppe Verdi a cui il Conservatorio venne intitolato – contro il parere del compositore stesso – a Giacomo Puccini, oltre ad un lunghissimo elenco di solisti, musicisti e compositori, in una lista che comprende tra gli altri i nomi di Claudio Abbado, Riccardo Chailly o Luciano Berio.
Un viaggio nella storia passata e nel presente in compagnia di un docente del Conservatorio e di Edoardo Tomaselli, critico musicale della rivista Amadeus. Una visita per conoscere e vedere da vicino luoghi e spazi di un simbolo della città, per scoprire un Conservatorio ancorato al passato, ma nel contempo proiettato verso il futuro della multimedialità, aperto alla musica classica così come al jazz e alle frontiere dell’elettronica. Una passeggiata nella sua grande sala da concerto da 1500 posti e nella sua biblioteca, ricca di oltre cinquantamila manoscritti e oltre trentamila volumi di carattere musicale.
E alla fine della visita, solo per noi, avremo modo di assistere ad un concerto offerto da alcuni studenti del Giuseppe Verdi, con il quale chiudere un ideale percorso – tra note, racconti e musica – nella casa del suono di Milano.

GALLERIA