La storia, le storie, dell’anima di Milano “città d’acqua”

C’era un tempo in cui Milano era percorsa da vie d’acqua, un tempo in cui i ritmi della vita erano scanditi dal fluire delle acque, un tempo in cui il vociare delle lavandaie e i comandi dei barcaioli erano il sottofondo di una città a misura d’uomo. 
Una città che appartiene al nostro immaginario, ma che è ancora possibile ritrovare nei frammenti e negli scorci di Porta Ticinese e di Porta Genova. Luoghi dove, nonostante la città moderna abbia soffocato il suo passato, si respira ancora l’aria della vecchia Milano, con le sue case di ringhiera,  i vicoli, i ponti sul canale, le conche.
In una passeggiata lungo le sponde dei canali ritroveremo la dimensione autentica della “zona dei Navigli”, raccontando la storia di Milano – città d’acqua – dei mestieri legati all’acqua che non ci sono più, delle tradizioni che vorremmo trattenere.
Una storia fatta di una quotidianità semplice e vera. Come la storia del “burg dei furmagiatt” sul Naviglio Pavese, o quella degli spazzacamini della Val Vigezzo, o quella di un vicolo dedicato ai Lavandai, anche se il duro lavoro del lavare i panni della città erano le donne a farlo!

 

GALLERIA

1 Recensione
Inline Feedbacks
View all comments

Un bel giro camminando nella storia della Milano sui Navigli. Uno splendido sole ci ha accompagnato.La guida ci ha fatto immaginare la vecchia Milano navigabile. Brava Marina.