in occasione della mostra “STORIE DELL’IMPRESSIONISMO”

Viaggio accompagnato dagli storici dell’arte Marina Fassera e Davide Cabodi

SABATO 25 MARZO

MATTINO
 
Arrivo a Treviso per le 11.30 circa, tempo a disposizione nel centro storico della città per il pranzo.
 
POMERIGGIO
 
Visita guidata alla mostra “STORIE DELL’IMPRESSIONISMO. I GRANDI PROTAGONISTI DA MONET A RENOIR, DA VAN GOGH A GAUGUIN” presso il Museo di Santa Caterina.
Una vasta esposizione dedicata alle Storie dell’Impressionismo, raccontata in 140 opere e sei capitoli che ripercorrono i mitici anni della pittura moderna incarnata da Maestri quali Monet, Renoir, Degas…, ma non solo. Infatti, la mostra prende le mosse dalla pittura romantica di Ingres e Delacroix, e dal realismo di Courbet, per evidenziare il percorso della nuova pittura che si affranca e si emancipa, passando dalla meravigliosa esperienza della Scuola di Barbizon. Fu a Barbizon che, per la prima volta, i pittori si immersero nella natura traendone luci ed emozioni nuove, quelle che gli Impressionisti resero poi ancor più vere e vibranti con un nuovo linguaggio,con la pittura “en plein air” che frantuma le forme in mille pennellate palpitanti di vita. La vie moderne è aperta: Pissarro, Renoir, Monet immortalarono sulle loro tele Parigi sfavillante di luci, la campagna luminosa nelle giornate primaverili, l’acqua con i riflessi del cielo. Nessuno prima di loro aveva restituito le tante emozioni di un momento subitaneo, di uno sguardo rapido tradotto con la velocità del pennello. Ma non finisce qui. La mostra prosegue il viaggio nella pittura perché le nuove generazioni di artisti a breve spostarono il loro sguardo dalla natura all’interiorità della loro visione: Cézanne, Gauguin, Van Gogh. Il nuovo secolo, il XX secolo era ormai alle porte!
Al termine della mostra, passeggiata in città alla scoperta del volto più autentico di Treviso: città che ha saputo fondere l’opera dell’uomo con il suo scenario fatto di verde e di acqua, che ha mantenuto un’atmosfera di cordialità, una dimensione “a misura d’uomo”.
 
Trasferimento con il nostro pullman in Hotel 4 stelle: PARK HOTEL VILLA FIORITA in località MONASTIER di TREVISO.
Assegnazione camere e cena in Hotel.
 

DOMENICA 26 MARZO

MATTINO
 
Dopo la prima colazione, partenza dall’hotel e trasferimento a Fanzolo e San Vito d’Altivole.
La mattina sarà dedicata alla visita di VILLA EMO di Fanzolo, una delle migliori creazioni di Andrea Palladio della metà del ‘500, appartenente da allora all’omonima famiglia. La Villa nella sua magnificenza, si presenta come una sobria architettura classicista, meravigliosa nelle sue decorazioni dai modi vicini all’arte di Paolo Veronese, immersa nella natura del giardino e dei campi, un tempo bonificati e coltivati dalla famiglia Emo.
Al termine, si prosegue per San Vito d’Altivole dove visiteremo la TOMBA BRION, capolavoro dell’architetto veneziano Carlo Scarpa degli Anni Settanta, uno dei punti fermi dell’architettura moderna e contemporanea. La celeberrima sepoltura è un complesso monumentale dedicato alla famiglia di Giuseppe Brion, fondatore della Brionvega, dove venne accolto lo stesso Scarpa, morto inaspettatamente nel 1978. Il monumento si pone come una vera esperienza tra mondo terreno e Aldilà, fatto di spazi meditativi, di forme geometriche e moderne che dialogano con la natura: è un luogo magico, dalla tranquillità mistica.
 
Trasferimento a Castelfranco Veneto
Tempo a disposizione nel centro storico della città per il pranzo.
 
POMERIGGIO
 
Visita guidata della cittadina, alla scoperta di una delle opere più note di GIORGIONE, custodita nel Duomo.
CASTEFRANCO, città murata della “gioiosa et amorosa” Marca Trevigiana, diede i natali a Giorgione, uno dei più grandi pittori veneti tra Quattro e Cinquecento, vissuto troppo poco, morì poco più che trentenne, ha lasciato opere capitali per la storia dell’arte.

Al termine partenza per Milano, rientro previsto per le 19.30 circa.

Iscrizioni entro il 27 Gennaio, saldo dell’intera quota entro il 15 Febbraio.

GALLERIA

INDIETRO