Natura, invenzione e ghiribizzo

Attraversando l’arte. Lettura tra le pieghe di capolavori noti e meno noti

Pittore raro et in molte altre virtù studioso et eccellente
Così Paolo Morigia, storico milanese, alla fine del Cinquecento descrive Giuseppe Arcimboldo.
Un artista geniale che trovò fama presso la corte imperiale asburgica grazie all’invenzione di opere “bizzarre” che destarono, e destano, stupore e meraviglia. Sono le “teste ghiribizzose”: allegorie delle stagioni, degli elementi, m non solo. Dipinti condotti con grande padronanza del pennello, in apparenza “divertissement”, sono invece un raro frutto coltivato nell’ambiente colto e raffinato, della Milano della metà del XVI secolo, la città natia e della formazione dell’artista.

DATE IN PROGRAMMA

ven 21/05, ore 18.30

COSTO

Incontro online € 10,00

DURATA

L’incontro interattivo avrà una durata di circa un’ora e mezza

PIATTAFORMA WEB

ZOOM

Ti è piaciuta l’iniziativa?

lascia una tua recensione, sarà utile per migliorare le nostre proposte

0 Recensioni
Inline Feedbacks
View all comments