Milano Mostre – Palazzo Reale

De Chirico, pittore accurato, prende in prestito dal sogno l’esattezza dell’inesattezza, l’uso del vero per promuovere il falso (J. Cocteau, Il mistero laico, 1928)

Un centinaio di capolavori per raccontare la vita e l’opera di un artista estremamente prolifico – Giorgio De Chirico – che ha attraversato gran parte del Novecento, inaugurando un nuovo modo di dipingere la realtà e l’uomo trasfigurati nella dimensione metafisica. Manichini, piazze vuote, camere dalla prospettiva incerta, personaggi tratti dagli antichi miti, autoritratti … popolano la pittura di De Chirico fin dall’inizio della sua carriera. Nella mostra di Palazzo Reale si ripercorrono le tappe della sua vita attraverso confronti inediti e accostamenti irripetibili che svelano il fantasmico mondo del pittore, un mondo così complesso ed ermetico che parte dalle sue radici nella Grecia dove nacque e dove trascorse la sua infanzia, alla maturazione nella Parigi delle avanguardie, fino agli anni della Grande Guerra che gli diedero spunto per creare la nuova pittura Metafisica che catturò i surrealisti, per poi, con ironia, rivisitare l’arte barocca teatrale e scenografica ed infine tornare alla Metafisica … Un viaggio affascinante in un mondo costantemente in bilico tra sogno e realtà, tra spunti neoclassici e visioni oniriche, un viaggio perché come scriveva de Chirico nel 1918, “siamo esploratori pronti per altre partenze”.

 

GALLERIA