“Le streghe hanno smesso di esistere quando noi abbiamo smesso di bruciarle” (Voltaire)

Un percorso per conoscere una Milano diversa, una Milano dal volto oscuro che affonda le radici nei secoli medievali quando superstizioni e credenze diedero vita alla “caccia alle streghe” e non solo. Un percorso che tratta della stregoneria, fenomeno molto diffuso in certe zone, per esempio nelle valli alpine, ma presente anche nelle città e, nello specifico, a Milano. Un percorso costruito non su leggende, ma sulla storia, sulle fonti, sui fatti documentati dalle carte d’archivio. Quella che andremo narrando in compagnia di uno storico che conosce un modo approfondito la materia, è una storia drammatica, tragica che parte dal XII secolo con il Decretum Gratiani, il più antico documento che parla di streghe, passando dalla Santa Inquisizione, per terminare nel secolo dei Lumi, quando la ragione avrebbe dovuto cacciare le tenebre dell’ignoranza e le credenze ancestrali. Conosceremo le storie di Sibilla Zanni, Pierina Bugatis, Lucia da Lissono e di molte altre sventurate!

DATE IN PROGRAMMA

dom 25/04, ore 16.00

COSTO

Visita guidata € 12,00

Servizio di microfonaggio incluso nella visita.

La visita si svolge esclusivamente in luoghi all’aperto.

Tutti i partecipanti e la guida dovranno indossare la mascherina di protezione.

Tutti i partecipanti dovranno mantenere il distanziamento, la guida sarà dotata di radioguide per un miglior ascolto. È consigliabile portare con sé un proprio auricolare.

Come da normativa anticovid il gruppo sarà composto da un massimo di 15 o 20 persone + la guida abilitata.

N.B. Le guide di Artema sono riconoscibili dal badge e dalla cartellina con il logo.

DURATA

Due ore

LUOGO D’INCONTRO

Piazza Sant’Eustorgio, Milano

angolo via Santa Croce

Ti è piaciuta la visita guidata?

lascia una tua recensione, sarà utile per migliorare le nostre proposte

5 Recensioni
Inline Feedbacks
View all comments

Visita alla Milano della stregoneria.
Giornata decisamente piacevole in compagnia di un ottima guida, Paolo che ama tanto l’arte da perdere e farti perdere la cognizione del tempo.
Tante informazioni durante il percorso, in un contesto già magico che è Milano.