titolo

Risalendo le terre irrigue della “bassa” si scoprono gioielli di arte e fede di una straordinaria bellezza: l’abbazia di Chiaravalle ne è viva testimonianza. Fondata nel lontano 1135 dai Cistercensi al seguito di San Bernardo, furono i monaci con il loro duro lavoro a trasformare queste terre paludose e malsane nella ricca e fertile pianura dominata dalla “Ciribiciaccola”, la torre nolare dell’Abbazia.
Per secoli Chiaravalle fu centro monastico di grande importanza, oggi è meta di un’insperata quiete e pace. La splendida e sobria architettura in cotto, i preziosi affreschi, il suggestivo chiostro ci riportano ad un passato lontano: quello della spiritualità antica, quello delle ore dei monaci trascorse fra preghiera e lavoro, come vuole la Regola di San Benedetto, “Ora et Labora“, e come si ha modo di vedere visitando l’annesso Mulino, antico edificio recentemente recuperato da un lungo restauro. Costruito contestualmente al monastero, il Mulino si affaccia su un ampio cortile dove sorgevano cascine e altre attrezzature, accanto il giardino dei semplici. Il restauro non solo ha interessato le strutture, ma anche la riattivazione del sistema molitorio con finalità sia produttive sia didattiche.

GALLERIA

 

COSTO INGRESSO

RIDOTTO GRUPPI

€ 3,00

 

LUOGO D’INCONTRO

all’ingresso dell’Abbazia di Chiaravalle

via Sant’Arialdo 102, Milano

INDIETRO