Arte e storia, suggestioni e fascino di un grandioso Impero

Viaggio accompagnato dalla storica dell’arte Marina Fassera
Organizzazione tecnica Frigerio Viaggi s.r.l.

Un viaggio affascinante in un Paese dai mille volti e dalle mille sfaccettature.
Un Paese tanto vasto e tanto ricco la cui conoscenza non si può esaurire in un unico viaggio… ma sicuramente una prima tappa imprescindibile e ammaliante per avvicinarsi alla storia, alla bellezza, allo spirito russo, agli usi e ai costumi, alla religione è quella che ci porta a Mosca e a San Pietroburgo.
Due capitali così diverse fra loro, che esprimono le molte anime russe, la storia grandiosa e tormentata, i fasti e la caduta, il volto antico e moderno, il potere assoluto degli Zar, il tempo della Rivoluzione, quello dell’U.R.S.S. e quello della Perestrojka, la memoria di una storia fatta anche di indescrivibile sofferenza.
Monumenti, palazzi, cattedrali, residenze immense e meravigliose, musei che ospitano collezioni d’arte e tesori inimmaginabili, ma anche strade e piazze dove scorre la vita quodiana…
Due capitali che ti entrano nel cuore, indimenticabili in modo diverso.
Mosca più asiatica, sebbene cosmopolita, di una bellezza struggente per più motivi.
San Pietroburgo, ribattezzata tre volte, monumentale, appare più occidentale perché al tempo di Pietro il Grande furono gli architetti italiani a darle volto.
E poi la campagna immensa, il paesaggio che attraverseremo per spostarci da una capitale all’altra, per raggiungere le maestose residenze degli Zar e raggiungere Sergiev Posad, da sempre uno dei luoghi di culto più venerati dove si respira la spiritualità a lungo repressa negli anni del regime ed ora ormai nuovamente libera di manifestarsi.
Un viaggio ricco di mille colori, umori, emozioni, suoni, immagini che toccano l’animo.

23 AGOSTO – MILANO/MOSCA

Ritrovo dei partecipanti a MILANO MALPENSA in prima mattinata.
Incontro con la Tour Leader che seguirà il gruppo per tutta la durata del viaggio.

Partenza con volo di linea per Mosca in partenza alle ore 10.40.

Arrivo all’aeroporto Seremetevo previsto alle ore 15.05 (ora locale 1h+ rispetto all’Italia), disbrigo delle formalità doganali e trasferimento in hotel in pullman.
Sistemazione nelle camere riservate.

Cena e pernottamento in hotel.

24 AGOSTO – MOSCA

Prima colazione in hotel.

Al mattino inizio della visita panoramica della città accompagnati dalla guida locale che starà con il gruppo per tutta la durata del viaggio.
L’impatto con Mosca è forte: la città è immensa, immense le strade, le piazze, gli edifici. Una città cosmopolita., trafficata, meravigliosa, colorata, contraddittoria… 
La Piazza Teatralnaja, la Via Tverskaja, la Prospettiva Novji Arbat, le Colline dei Passeri e l’Università, da cui godere di una vista impareggiabile su tutta la città, saranno le prime tappe per conoscere la storia secolare, i monumenti, la vita moscovita. E poi la celeberrima Piazza Rossa (in antico russo l’aggettivo rosso era sinonimo di “bello”, “sacro”. Dopo la Rivoluzione d’Ottobre la Piazza conservò l’antico nome, acquisendone un’accezione politica) che con i suoi più di 74.000 mq è una delle piazze più grandi al mondo.

Pranzo in ristorante in corso di escursione.

Pomeriggio dedicato alla visita della Galleria Tret’jakov. Si tratta di una visita spesso non inclusa nei classici itinerari di visita a Mosca. In verità la Galleria è bellissima e conserva opere stupende di pittori russi. E’ un modo per avvicinarci ancora di più alla cultura di questo paese per molti ancora sconosciuto. La pinacoteca fu fondata intorno alla metà del XIX sec. dai fratelli Pavel e Sergej Tret’jakov, due grandi collezionisti d’arte russa da cui prende il nome.  L’edificio che ospita la galleria, in origine abitazione di Pavel Tret’jakov, dovette essere ampliato più volte nel corso degli anni per poter ospitare la sempre più vasta collezione. Gran parte della collezione della galleria è formata da opere d’arte religiose confiscate nelle chiese durante l’epoca sovietica: la galleria vanta la migliore collezione al mondo di icone russe. Tra di esse vanno ricordate la Santissima Trinità di Rublëv, considerata da molti come la più bella delle icone russe. Nella sezione della pittura dell’Ottocento ritratti, paesaggi e quadri di storia struggenti, mentre il XX secolo è rappresentato dai maestri delle Avanguardie da Kandinskij a Malevic, fino alla poetica così personale di Marc Chagall.

Cena e pernottamento in hotel.

25 AGOSTO – MOSCA/SERGIEV POSAD/MOSCA

Prima colazione in hotel.

Mattinata dedicata all’escursione a Sergiev Posad (74 km da Mosca).
Città santa ortodossa, centro della vita religiosa dei Russi e sede del celebre Monastero fondato da San Sergio di Rodonez del XIV sec., ebbe un ruolo fondamentale nella storia di Mosca e dello stato russo come difesa dagli invasori. Luogo magico, dove si respira una spiritualità intensa, troppo a Lungo forzatamente repressa e nascosta.

Rientro a Mosca e pranzo in ristorante

Pomeriggio proseguimento della visita della città di Mosca e passeggiata sulla Via Stary Arbat, una delle vie più rinomate del centro storico della città.
A seguire visita della metropolitana, la cui costruzione fu voluta da Stalin: caratterizzata da magnifici arredi e decori doveva essere un’opera che avrebbe reso Mosca unica, ineguagliabile, al cui confronto qualsiasi altra capitale sarebbe impallidita. Quest’opera sotterranea è restata un testimone degno della follia di grandezza di quell’epoca.

Cena e pernottamento in hotel.

26 AGOSTO – MOSCA/SAN PIETROBURGO

Prima colazione in hotel.

Visita del territorio del Cremlino con ingresso alle due Cattedrali più importanti e all’Armeria, oggi museo custode dei tesori degli Zar: gioielli, troni, argenterie, carrozze, abiti dal valore inestimabile, testimoni di un tempo glorioso in cui la Russia era davvero una potenza mondiale

Pranzo in ristorante (o con box lunch in base agli orari del treno).

Trasferimento alla stazione ferroviaria e partenza con treno per San Pietroburgo.
Sono 700 i km che separano le due città e saranno percorse dal treno in poco meno di 6 ore. Il viaggio darà la possibilità di attraversare la campagna russa e di avere una visione più globale del paese.

Arrivo e trasferimento in hotel.

Cena e pernottamento.

 27 AGOSTO – SAN PIETROBURGO

Prima colazione in hotel.

Al mattino visita panoramica della città: il piazzale delle Colonne Rostrate, la Piazza del Palazzo con la famosa colonna di granito su cui si affaccia la spettacolare facciata del Museo dell’Hermitage, il Campo di Marte, i giardini Mikhailovski.
San Pietroburgo, la città ribattezzata tre volte, fondata nel 1703 da Pietro il Grande sulla costa orientale del golfo di Finlandia, quale capitale dell’Impero Russo, divenne Pietrogrado nel 1914, Leningrado nel 1924, per poi tornare a chiamarsi San Pietroburgo nell’agosto del 1991 quando “i falchi” a Mosca tentarono un colpo di Stato contro Gorbacèv. Il tentativo fallì, ma l’Unione Sovietica, la cui struttura stava già scricchiolando, crollò del tutto. Una città meravigliosa, dal volto occidentale con i suoi palazzi monumentali classicheggianti,  costruiti nei secoli passati da architetti italiani. 

 Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio visita all’ERMITAGE, uno dei più grandi musei del mondo, le collezioni esposte comprendono oltre 2.700.000 pezzi! L’Ermitage comprende vari edifici costruiti tra il XVIII e il XIX. Il Palazzo d’Inverno, nucleo più antico, risale alla metà del Settecento come residenza imperiale della Zarina Elisabetta, ed è opera di un architetto italiano, Bartolomeo Rastrelli. Così come di Giacomo Quarenghi è il Teatro dell’Ermitage. Fu però Caterina la Grande la vera ideatrice del museo, dando avvio ad un’intensa politica di acquisizione di collezioni d’arte per creare un museo che potesse rivaleggiare con quelli europei. Per due secoli nei cinque edifici che compongono l’Ermitage vi abitarono le famiglie degli zar Romanov, fino al 1917, anno della Rivoluzione d’Ottobre. Le preziose e ricchissime collezioni d’arte, si snodano nelle sontuose sale: ori, stucchi, intagli, specchiere, arredi di lapislazzuli e malachite, fanno da cornice ai dipinti italiani del Rinascimento con nomi del calibro di Leonardo, Raffaello, Tiziano, Giorgione, Correggio, ai dipinti fiamminghi, olandesi, spagnoli … fino alla scuola francese dell’Otto e del Novecento con meravigliose opere di Monet, Degas, Renoir, Cézanne, Van Gogh, Picasso… per non parlare della scultura antica e moderna …

Cena in hotel e pernottamento.

28 AGOSTO – SAN PIETROBURGO/PUSHKIN/SAN PIETROBURGO

Prima colazione in hotel.

Mattinata dedicata al completamento della visita città: la Cattedrale di S. Isacco, il teatro Marinskii (esterno), la chiesa di S. Nicola, passeggiata sulla prospettiva Nevsky e visita dei Gostiny Dvor.

Trasferimento fuori città e pranzo in una tipica izba.

L’izba è una tipica abitazione rurale russa, a uno o due piani, interamente costruita di tavole di legno e di tronchi d’albero 

Pomeriggio dedicato all’escursione alla residenza estiva di Pushkin

Nel villaggio di Zarskoe Celo, oggi conosciuto come Pushkin, perché qui studiò al liceo il noto scrittore, si trova la grandiosa residenza estiva di Caterina II. Si tratta di un vero gioiello di architettura barocca opera dell’architetto italiano Bartolomeo Rastrelli, circondato da un immenso giardino. La facciata azzurra e oro del palazzo conferisce a tutta la struttura una grandiosità ed un’imponenza davvero uniche. Gli spettacolari interni sono per la maggior parte restaurati, ma assolutamente unica al mondo è la “Camera d’Ambra”: una stanza le cui pareti sono completamente rivestite da pannelli decorati con ben sei tonnellate d’ambra, oltre a foglie d’oro e specchi.  Creata originariamente in Prussia e donata poi agli alleati russi, la Camera d’Ambra sparì durante la seconda guerra mondiale, recuperata, è stata restaurata e completata magistralmente nel 2003

Cena e pernottamento in hotel.

29 AGOSTO – SAN PIETROBURGO/PETRODVORETZ/SAN PIETROBURGO

Prima colazione in hotel.

Mattina dedicata all’escursione a Petrodvoretz, località situata sul Golfo di Finlandia, residenza estiva dello Zar Pietro il Grande. Grande attrattiva di questa magnifica residenza sono le fontane, disposte in modo tale da sfruttare il principio dei vasi comunicanti. L’architetto incanalò l’acqua che arrivava dalle colline, a 22 chilometri da Petrodvoretz, portandola attraverso 40 chilometri di canali verso il mare ed alimentando, nell’ultimo tratto, un complesso e suggestivo sistema di fontane.

Pranzo in ristorante.

Rientro in città e pomeriggio libero.

In serata cena folkloristica in ristorante tipico in centro.

Pernottamento in hotel.

30 AGOSTO – SAN PIETROBURGO/MILANO

Prima colazione in hotel.

In mattinata visita guidata alla Fortezza di Pietro e Paolo, costruita nel ’700 per difendere il territorio dagli invasori svedesi, divenuta poi simbolo della città. Nella Cattedrale si trovano le tombe degli Zar, da Pietro il Grande a Nicola II.

Pranzo libero

Pomeriggio libero sino al trasferimento in aeroporto Pulkovo.

Volo di linea in partenza alle ore 20.55 con arrivo a Milano Malpensa ore 23.20.

Ritiro dei bagagli e congedo dei partecipanti.

GALLERIA

Documenti e Visti (leggere con attenzione):

Per i cittadini italiani, oltre al passaporto valido, occorre il visto consolare.
Sono necessari: passaporto (firmato e con validità residua di almeno 6 mesi e 2 pagine libere consecutive) + formulario + 2 fototessera recenti (meno di 3 mesi dalla data di presentazione), a colori, biometriche, su fondo bianco (no grigio, celestino o altro fondino anche molto chiaro) e senza occhiali scuri. Il passaporto è personale, pertanto il titolare è responsabile della sua validità ed integrità e l’agenzia organizzatrice non potrà mai essere ritenuta responsabile di alcuna conseguenza (mancata partenza, interruzione del viaggio, etc.) addebitabile a qualsivoglia irregolarità dello stesso.
Detti documenti dovranno pervenire a Frigerio Viaggi entro il 1° luglio per evitare diritti d’urgenza da parte del Consolato. Anche i minori devono avere il proprio passaporto.
È bene in ogni caso consultare il sito www.poliziadistato.it/articolo/1087-passaporto/ per informazioni su aggiornamenti e variazioni relativi ai documenti che permettono l’ingresso nei vari paesi in programmazione.
Si fa notare che i bambini fino a 14 anni devono sempre viaggiare accompagnati da un adulto, genitori o da chi ne fa le veci.
La documentazione necessaria e il costo per l’ottenimento dei visti sono gli stessi che per gli adulti. Verificare che sul passaporto del minore siano riportate a pag. 5 le generalità dei genitori, in caso contrario è necessario l’“estratto di nascita” rilasciato dall’anagrafe.  Quando il minore viaggia con una terza persona è necessario l’“atto di accompagno” vidimato dalla Questura oppure l’iscrizione dell’accompagnatore sul passaporto del minore, la validità di questi documenti è di 6 mesi.
Si raccomanda di avere sempre con sé uno dei certificati in questione da mostrare all’occorrenza alla polizia di frontiera per dimostrare la patria potestà sul minore.
Per i cittadini di altra nazionalità sono previste modalità e prezzi diversi (informazioni su richiesta). I cittadini di origine russa, devono contattare, prima dell’iscrizione, il proprio consolato per avere ragguagli circa le procedure da espletare.