Un Museo poco conosciuto, pensato nei lontani Anni Trenta, ma realizzato recentemente per raccogliere e mostrare al pubblico le opere del ricchissimo patrimonio artistico della Diocesi ambrosiana, considerato tanto nella sua specifica valenza storico artistica, quanto come testimonianza di una ininterrotta storia di fede e di bellezza cristiana. Un Museo che si sviluppa intorno ai suggestivi chiostri del convento domenicano di Sant’Eustorgio, in un luogo carico di storia legato alla memoria del Vescovo Eustorgio e all’arrivo delle reliquie dei Re Magi a Milano.
Un Museo ricco di opere meravigliose in un percorso che va dalla pittura, alla oreficeria, ai gessi di Lucio Fontana, realizzati per il concorso della V porta della Cattedrale, passando per la sezione dedicata al nostro Santo patrono, Ambrogio, e che si conclude con l’esposizione temporanea della tavola di Perugino “L’Adorazione dei Pastori” proveniente dalla Galleria di Arte Nazionale dell’Umbria di Perugia. Un dipinto che si trovava al centro di una grandiosa pala d’altare, a più scomparti e su più registri, alta più di otto metri e composta da oltre trenta tavole, ormai disperse in vari musei. Bellezza, armonia, eleganza, dolcezza sono i caratteri dell’arte del Perugino, uno dei Maestri più apprezzati del Rinascimento maturo.

GALLERIA

 

LUOGO D’INCONTRO

all’ingresso del Museo Diocesano

piazza Sant’Eustorgio 3, Milano

INDIETRO