una giornata tra Vercelli e Novara al cospetto di un grande artista

Escursione accompagnata dagli storici dell’arte Marina Fassera e Davide Cabodi

Vercelli e Novara sono due città così vicine a noi, eppure così lontane perché poco conosciute e raramente considerate mete di una gita culturale. Bene, è arrivato il momento del “riscatto” e la giornata che proponiamo è all’insegna della scoperta di entrambe le città nel loro cuore storico e attraverso un pittore, gloria locale, che ha segnato il Rinascimento piemontese e non solo, e che ha molto operato anche a Milano. Ci riferiamo a GAUDENZIO FERRARI, di cui forse non tutti hanno presente il talento dell’artista, il valore e la bellezza della sua arte.
Gaudenzio nacque intorno al 1480 in Valsesia, all’epoca parte dello Stato di Milano, si formò nella nostra città, viaggiò tra Firenze e Roma per completare il suo bagaglio culturale, per poi lavorare tra Vercelli, Arona, Novara e nella zona di Varallo, dove ha lasciato polittici, pale e affreschi di rara bellezza, di grande naturalezza e di forte intensità devozionale. Si deve a lui un capolavoro assoluto dell’arte rinascimentale italiana quale il Sacro Monte di Varallo – il Gran Teatro montano (G. Testori) – dove si rivela anche abilissimo plasticatore. A seguito della morte di Bramantino e Luini, venne chiamato a Milano nella breve stagione del ritorno degli Sforza, nel terzo/quarto decennio del Cinquecento, e dove ha lasciato opere che rinnovarono il panorama pittorico milanese e che incontrarono il gusto anche delle generazioni..successive.
La mostra a lui dedicata, o meglio le mostre perché organizzate su tre sedi (Vercelli, Novara e Varallo Sesia), sono l’occasione non solo per conoscere la grandezza di Gaudenzio, maestro assoluto del Rinascimento che ha lasciato sul territorio piemontese la parte più importante della sua produzione artistica fatta di un linguaggio semplice, teatrale, permeato da autentico spirito religioso, ma sono anche l’occasione per scoprire questa zona del Piemonte orientale, coniugando arte, storia e territorio.
In questo excursus partiremo dalle opere inamovibili di Gaudenzio Ferrari che si trovano presso le Chiese, le Cappelle, le Basiliche e i Santuari del vercellese e del novarese, per arrivare ai dipinti presenti nelle sezioni delle mostre allestite a Vercelli, Novara.
E infine, ma per questo vi rimandiamo a settembre, una tappa suggestiva e meravigliosa in Valsesia.
Una giornata tra Varallo e il Sacro Monte. A Varallo avremo il piacere di salire sulle impalcature montate lungo la grande parete della Chiesa di Santa Maria delle Grazie: assolutamente imperdibile poter “toccar con mano” Gaudenzio, vederlo così da vicino come non capita mai, apprezzare la raffinatezza della sua pittura, i dettagli realizzati in aggetto, gli splendidi colori … e poi l’esperienza del cammino fra le Cappelle del Sacro Monte, fra natura e arte, è qualcosa di veramente esaltante.
Il nostro è dunque un invito a seguirci in questo percorso di conoscenza, di bellezza, al di fuori delle mete più acclamate del turismo culturale!

MATTINA

VERCELLI: visita al centro cittadino e alla mostra “I Rinascimento di Gaudenzio Ferrari”
Al termine tempo libero per la pausa pranzo

POMERIGGIO

Trasferimento con il pullman a NOVARA: visita al centro cittadino e alla mostra “I Rinascimento di Gaudenzio Ferrari”

Rientro a Milano previsto intorno alle 20.00 circa

GALLERIA