Era consuetudine nei secoli passati decorare le facciate di case e nobili palazzi con affreschi che davano colore, decoro alla città ed erano, fra Cinque e Seicento, motivo di lustro della famiglia a cui apparteneva la dimora.
Purtroppo, l’esposizione all’esterno ha portato al degrado degli affreschi di cui, talvolta, abbiamo testimonianze solo attraverso vecchie fotografie in bianco e nero o traccia nei documenti.
Tuttavia, alcune città, soprattutto nelle regioni orientali dell’Italia, Treviso o Trento, giusto per citarne due fra le più famose, hanno conservato pregevoli esempi di tali decorazioni.
Verona è una di queste, vanta non a caso l’appellativo di URBS PICTA, città dipinta.
In questo percorso andremo a scoprire le più belle facciate affrescate del centro storico, di cui racconteremo la storia e le vicissitudini.
Vedremo la Casa del ricco pizzicagnolo Pasqualino Zignoni, con le belle decorazioni del sottogronda che raccontano l’attività del proprietario attraverso festosi putti,  le Case Mazzanti che furono le prime dimore dei signori Della Scala, trasformate poi in granaio pubblico e infine proprietà della famiglia del Mazzanti, commercianti della zona. La lunga facciata che dà su Piazza delle Erbe presenta ancora oggi un variopinto ciclo di affreschi di sapore classico resi ancor più belli dalla luce del tardo pomeriggio… e poi… e poi  seguiteci!

GALLERIA