Intrighi a corte. Due dinastie per un castello: Visconti e Sforza

Il Castello Sforzesco, perfettamente ricostruito da Luca Beltrami tra la fine Ottocento e i primi anni del Novecento, fu fortezza imprendibile che difese Milano lungamente, fu sede delle due potenti e sfarzose corti Viscontea e Sforzesca, ma fu anche teatro degli intrighi, delle congiure di palazzo di cui furono protagonisti sia i Visconti, sia gli Sforza con prevaricazioni brutali dell’uno sull’altro. Come ogni castello cortese era arredato riccamente, aveva sontuosi decori e tesori di inestimabile valore. Tutto irrimediabilmente perso con le dominazioni che si succedettero nei secoli e le soldataglie che occuparono le ricche stanze del maniero. Come in un romanzo avvincente, visitandone le sale faremo rivivere la storia delle due dinastie che regnarono la nostra città, una storia fatta di luci sfolgoranti e di profondissime ombre. Non mancheremo di visitare l’ala dell’ospedale spagnolo dove è esposta la struggente Pietà Rondanini di Michelangelo: ultima opera del grande Maestro, testamento spirituale e artistico che porta i segni del tormento e della pace ritrovata nei suoi ultimi giorni di vita.

GALLERIA